Amleto, figlio

Da William Shakespeare
Drammaturgia e regia di Sabine Uitz (Centro di Produzione teatrale VIA ROSSE)
Con Vanni Carpenedo (Associazione Kairós – Venezia)

Amleto, danzando sul filo dell’ironia e dell’amarezza racconta la sua storia.
Uno psicodramma grottesco in cui il conflitto generazionale è il vero protagonista.
Un padre,
un figlio,
un solo nome:
Amleto.
Due mondi incompatibili, che si incontrano e scontrano, a scapito della generazione più debole, quella più recente e inesperta.
Forza contro Intelletto,
Armi contro Dialettica,
Guerra contro Cultura:
quella dei padri è una società non ancora pronta ad accettare
le dissertazioni filosofiche,
la goliardia,
i dubbi
e le crisi dei figli.
Aspettative esagerate,
obiettivi irraggiungibili,
promesse difficili
da mantenute si trasformano in una realtà alienante che solo la gioventù fa vivere con inesauribile esaltazione e spregiudicatezza.